Skip to main content
ImpermeabilizzazioniReferenze

Una dimostrazione dell’insuperabile versatilità della poliurea

By 29 Agosto 2023Maggio 28th, 2024No Comments

MPM – Materiali Protettivi Milano dimostra l’insuperabile versatilità della poliurea spruzzata, presentando un caso di successo nel settore dell’industria del caffè in Svizzera. Il metodo proposto è quello dell’applicazione senza giunti, in grado di proteggere coperture complesse e adattarsi a diverse geometrie, superando i limiti delle guaine in PVC.

Il cliente è una importante realtà specializzata nell’importazione, torrefazione, e commercializzazione del caffè in tutta Europa e nel mondo. Nello stabilimento di proprietà avviene lo stoccaggio di tutti i lotti, la torrefazione e il confezionamento dei prodotti finiti per la successiva distribuzione, eseguita anche con mezzi propri.

Perché l’approccio “continuo” all’impermeabilizzazione promette di più
Lo stabilimento di produzione dove è stato effettuato l’intervento è quello di Mendrisio, in Svizzera, e, allo stato di fatto, presentava una serie di problematiche di infiltrazioni d’acqua in copertura, a seguito della presenza di un vecchio manto in PVC soggetto a fenomeni di reptazione e ormai in fase di distacco. La presenza di impianti e la geometria complessa in alcune aree non garantivano più la tenuta del manto esistente.

Per il ripristino e la protezione della copertura esistente, mpm, insieme alla sua impresa partner ha studiato e fornito un manto totalmente continuo mediante l’impiego del sistema STARFLEX ON, a base di poliurea, applicato a spruzzo direttamente sull’esistente. L’intervento ha evitato l’utilizzo di fiamme con una soluzione senza giunti e con elevata elasticità (fino al 550% in termini di allungamento a rottura).

Le coperture di forma complessa non sono un problema
Il sistema STARFLEX ON prevede una speciale membrana liquida spruzzata che, una volta applicata, forma un rivestimento impermeabilizzante continuo in orizzontale e in verticale, senza giunti e punti di discontinuità, senza necessità di demolizioni e rifacimenti, e in grado di adattarsi alle diverse geometrie e ai diversi materiali.

La prima fase ha visto l’applicazione del primer epossidico bicomponente DUROGLASS FF 4416, specifico per PVC, al fine di garantire la corretta adesione. Successivamente si è applicato un rivestimento impermeabilizzante mediante utilizzo di poliurea soft STARFLEX HR-S, esente da plastificanti e solventi.

La posa è avvenuta mediante impianto per spruzzo bi-mixer ad alta pressione. Questo metodo permette di impermeabilizzare anche le coperture in cui sono presenti punti di discontinuità e geometrie complesse, quali lucernari, parapetti e impianti, trattando così anche i punti più difficili e nascosti, e andando a creare una superficie continua e senza giunti.

Infine, si procede con la finitura poliuretanica resistente ai raggi UV, POLISTAR E/P, ad alta riflessione in colorazione bianca, ai fini di evitare problemi di ingiallimento e con funzione di abbattimento delle temperature.

L’intervento di mpm, tramite il sopralluogo di un tecnico specializzato, ha consentito di individuare le problematiche presenti e risolvere in modo definitivo quanto riscontrato senza rimuovere l’esistente, andando così ad abbattere tempi di lavoro e costi, grazie alla collaborazione del suo partner applicatore.

I prodotti raccomandati da mpm per un’impermeabilizzazione impeccabile
Il sistema prevede i seguenti prodotti:
– PRIMER: PRIMER 0230(DUROGLASS FF 4416)
– IMPERMEABILIZZAZIONE: STARFLEX HR-S
– FINITURA: POLISTAR E/P